FANDOM


Re Ottmar
RE OTTMAR.jpg
Razza Umano
Sesso maschio
Stato • Deceduto (era di Blood Omen, prima timeline)

• Sconosciuto (seconda, terza e quarta timeline)

Titolo • Re di Willendorf
Altri nomi • Leone di Willendorf
Mondo di nascità Nosgoth
Territorio Willendorf
Affiliazione Trono del Leone
Regno Materiale
Colore degli Occhi castani
Colore della Pelle bianca
Apparizioni Legacy of Kain: Blood Omen
Introdotto in Legacy of Kain: Blood Omen
Voce italiana N/D

Il potente e saggio re che governa Willendorf.

StoriaModifica

Legacy of Kain: Blood OmenModifica

Re Ottmar è stato il governatore di Willendorf, noto anche come il "Leone di Willendorf". Era un uomo molto anziano, calvo e con una folta barba grigia.
Quando Kain và dall'Oracolo di Nosgoth, l'Oracolo disse che il Re era l'ultima speranza per sconfiggere l'Esecito della Nemesi, ma lui era incapacitato dal dolore per via della malattia di sua figlia. In seguito Ariel riprese il consiglio dell'Oracolo, dicendo di riunire l'esercito di Willendorf per fermare la Nemesi nel conquistare Nosgoth.

RE OTTMAR LOTTA.jpg

Ottmar guida l'esercito dell'Ultima Speranza contro la Nemesi

Quando Kain entrò nel castello di Willendorf, vide il Re lamentarsi del destino della Principessa di Willendorf (sua figlia), lei era su un letto in coma davanti al trono del re, apparentemente è l'unica figlia di Ottmar. Esso raccontò a Kain che durante il compleanno della figlia aveva annunciato un concorso di bambole e il vincitore avrebbe vinto il favore regale, ma era ovvio che il vincitore sarebbe stato Elzevir il Bambolaio, come premio voleva solo una ciocca di capelli della principessa. Ma la principessa andò in una stato di coma, questo perchè Elzevir usò i capelli per rubargli l'anima. Ottmar promise il suo regno a chiunque l'avrebbe salvata, inoltre i suoi servitori continuavano ad adorarlo anche durante il suo dolore.

Kain trovò e uccise Elzevir per far tornare in salute la principessa e Ottmar per gratitudine voleva dargli il suo regno, anche se Kain voleva solo che guidasse il suo esercito contro la Nemesi. Nonostante ciò l'esercito dell'Ultima Speranza fù sopraffatto durante la Battaglia dell'Ultima Speranza. La Nemesi poi uccise Ottmar e il re prima di morire pregò Kain di uccidere la Nemesi.
Kain allora soddisfa la richiesta di Ottmar, fuggendo dalla battaglia con la Macchina Tessitrice del Tempo per uccidere William il Giusto prima di diventare la Nemesi.

AspettoModifica

Re Ottmar è un uomo anziano dalla folta barba grigia, privo di capelli e dagli occhi castani, indossa un'armatura bianca nel lato destro e rosso in quello sinistro, i due colori sono divisi da una striscia gialla verticale e con un leone stilizzato giallo nel petto sinistro, le spalliere sono rosse dai bordi dorati, ha bracciali bianchi dai bordi dorati, mentre le mani dell'armatura sono rossi, il gomito destro è rosso, mentre le ginocchia e la base del torso sono rossi, il bacino e le gambe invece bianche.

CuriositàModifica

  • Quando Kain entra nel castello di Ottmar dice "La corte di Re Ottmar, spettri della mia precedente esistenza" questo potrebbe significare che Kain un tempo era fedele a Ottmar, nonostnate Kain era di Coorhagen forse la città era un tempo fedele a Ottmar, effettivamente Kain morì con indosso un'armatura bianca molto simile a quella dell'esercito di Ottmar, quindi è molto probabile quest'ipotesi.
  • Kain avendo impedito a William di diventare la Nemesi, modificò la storia di Nosgoth. Ciò avrebbe influenzato il destino di Ottmar, infatti la Battaglia dell'Ultima Speranza senza la Nemesi non sarebbe mai potuta esistere senza che la Nemesi avrebbe potuto scatenarla. Cosa sia successo a Ottmar nelle altre timeline è del tutto sconosciuto, tuttavia durante un'intervista la Crystal Dynamics disse che non disse più nulla a riguardo di Ottmar, Elzevir o la Principessa perchè non ebbero più a che fare con Kain o Raziel.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.